La Guerriera della Giustizia

3.00

La storia è ambientata nel territorio dell’attuale Romania,
temporalmente tra il IX e VIII
secolo A.C., quindi in un contesto nel quale i territori sono abitati
dalle popolazioni Agathursi, Sinti
del Sud e da importanti penetrazioni Celte. Un tempo in cui ancora non
si sono formati i popoli dei
Geti e poi quelli Daci.

PER ACQUISTARE: INVIATE 3 EURI SCRITTURALI (o EquaCoin) al mio conto: 3PBCc1sCtdT63rJcJeRyicfaXJB8j6owYrg 

Poi inviatemi un messaggio su Telegram per la consegna: https://t.me/Marco_Saba

L’edizione cartacea è disponibile su Amazon.

  Ask a Question

Description

La storia è ambientata nel territorio dell’attuale Romania,
temporalmente tra il IX e VIII
secolo A.C., quindi in un contesto nel quale i territori sono abitati
dalle popolazioni Agathursi, Sinti
del Sud e da importanti penetrazioni Celte. Un tempo in cui ancora non
si sono formati i popoli dei
Geti e poi quelli Daci. Tutti i riferimenti geografici sono stati
effettuati sulla base delle più antiche città Dace, dopo
l’occupazione Romana trasformate in Castri, oltre a quelle che sono
rimaste intatte. Il territorio è ricco di “misteri”, in particolare
quelli legati al Monte Bucegi, e da qui è nata l’idea di raccontare
questa storia immaginaria di una ragazza di origine celta che diventa
una guerriera e per le sue specifiche qualità, priore della Compagnia
dei Guerrieri della Giustizia. Il tema di fondo dello scritto è il
rapporto tra giustizia e diritto, e su questo si vengono a
intrecciare le esistenze dei diversi personaggi dove il percorso di Dike
svela come la guerra, la
contrapposizione tra le fratellanze, sia nei fatti governata da
qualcuno, in questo caso i discendenti
diretti dei figli di Noé nati prima del Diluvio. Questa discendenza dei
Figli di Noé, si trova a doversi scontrare con la discendenza, un po’
sgangherata, poco organizzata, dei figli di Noè nati dopo il diluvio;
quindi nel testo c’è il racconto
dello scontro tra i figli della degenerazione e i figli della
rigenerazione. Nel racconto si parte dall’infanzia di Dike = Giustizia
fino al suo diventare guerriera, il suo primo incarico presso un
villaggio di frontiera del territorio di Jidava, ovvero a Rucar. Lei si
trova di fronte al problema di trovare chi ha ucciso il guerriero di
quel territorio, quindi inizia a fare la sua indagine, a conoscere gli
abitanti del territorio e le difficoltà in cui si trovano; si creano
relazioni
forti con alcuni di loro e incontra Fedele, del quale si innamora… 

L’autrice:
Darianna Saccomani, laureata in teologia presso la Facoltà Valdese di
Roma, sviluppa il suo impegno professionale di counselor nell’ambito
delle imprese e il suo impegno culturale, sociale e politico di
affermazione del Diritto soggettivo della persona, nell’ambito del MIA.
Aderisce al Movimento Culturale e Artistico denominato “DIPOLI” come
contrazione dei due concetti espressi dalle parole “Divergenti
Poliedrici” in quali rappresentano l’opera e la proposta plurale del
pensiero culturale e dell’atto comunicativo artistico. Si autodefinisce
una “narratrice”, poiché narra la sua visione della storia nella
impressione della contemporaneità, nell’affermazione del presente come
unica dimensione temporale. Nel suo lavoro fonde l’analisi della società
nella prospettiva di una impostazione antropologica diversa da quella
dominante, collocata nel contesto socio culturale del proprio tempo. La
ricerca storica e l’elaborazione del pensiero creano così prospettive di
analisi, interrogativi e visioni.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “La Guerriera della Giustizia”
No more offers for this product!

Shipping Policy

We ship digital used book in exchange for EUR scriptural cash currency on the equacoin.cash blockchain.

Refund Policy

Refund in full at any time under return of the product.

Cancellation / Return / Exchange Policy

Refund in full at any time under return of the product.

General Inquiries

There are no inquiries yet.