A B C dell’Economia – Dieci lezioni alla Bocconi di Ezra Pound

Ezra Pound (1885-1972) ricevette il “premio americano” per l’economia: arrestato in Italia nel 1945, rinchiuso in una gabbia in un campo di concentramento, processato per alto tradimento negli USA, scontò 12 anni in un manicomio psichiatrico criminale.

PER ACQUISTARE: INVIATE 3,5 EURI SCRITTURALI (o EquaCoin) al mio conto: 3PBCc1sCtdT63rJcJeRyicfaXJB8j6owYrg 

Poi inviatemi un messaggio su Telegram per la consegna: t.me/Marco_Saba

  Ask a Question

Description

“…Pound ebbe, nel marzo 1933, il suo bravo spazio
all’Università Bocconi, dove tenne un ciclo di conferenze
sull’economia. Per dire che cosa ? Cuore delle “lezioni”
poundiane è “l’economia nuova in Inghilterra”, con un
richiamo alle tesi di Clifford Hugh Douglas, teorico del
“credito sociale” e critico radicale del potere finanziario
(molto opportuna la recente pubblicazione, curata da Luca
Gallesi, di Come le banche soffocano l’economia – Monopolio
finanziario e impoverimento dei popoli, Mimesis Edizioni,
2014).
Il nocciolo dell’ analisi di Cliford Hugh Douglas, condiviso
da Pound, è che alla base di ogni problema economico ci sia
un contrasto tra credito reale e credito finanziario: il credito
reale nasce dalla produzione e dai consumi, e si basa sulla
comunità di cittadini che lavorano e vivono insieme; il credito
finanziario, ossia la disponibilità di potere d’acquisto fornito
dalle banche, è nato in ausilio del credito reale ma è diventato
il vero protagonista della scena economica mondiale.
Monopolizza la distribuzione delle ricchezze reali e non serve
più a ripartire il benessere fra tutta la popolazione, bensì ad
arricchire smisuratamente una piccola minoranza di
sfruttatori.
Nel comunicato-stampa della Bocconi, diffuso all’epoca
(ora riprodotto in Giano Accame, Ezra Pound economista –
Contro l’usura, Settimo Sigillo, 1995) si può leggere, tra l’altro
2“Nello svolgimento del suo ciclo di conferenze in inglese Ezra
Pound, riprendendo il concetto che la conoscenza
dell’economia è essenziale per la comprensione della vita, ha
messo in evidenza come la sovraproduzione esisteva già nella
natura e non ha mai cagionato crisi. Ha quindi affermato come
quattro siano gli elementi necessari alla vita civile odierna –
moneta – lavoro compiuto (o complesso della eredità culturale)
– modo in cui ognuno può avere moneta (distribuzione della
potenza d’acquisito) – giustizia nella emissione dei certificati
di valore (credito, moneta, ecc.)”.
Pound mostra di andare al cuore dei problemi economici e
finanziari, mettendo in risalto la storica distinzione tra
economia reale ed economia di carta, accesso al credito ed
usura.
Lo confermerà lucidamente, dieci anni dopo il suo
passaggio alla Bocconi, quando, in Lavoro e usura, denuncerà
l’errore della danarolatria, “cioè il fare della moneta un Dio”.
Da lì, in fondo, passano ancora le grandi discriminanti sulle
questioni dell’economia e della società, discriminanti rispetto
alle quali le analisi alla Piketty, più attente ai sintomi che non
alle cause di fondo della crisi attuale e al suo superamento,
hanno molto da imparare. “

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “A B C dell’Economia – Dieci lezioni alla Bocconi di Ezra Pound”
No more offers for this product!

Shipping Policy

We ship digital used book in exchange for EUR scriptural cash currency on the equacoin.cash blockchain.

Refund Policy

Refund in full at any time under return of the product.

Cancellation / Return / Exchange Policy

Refund in full at any time under return of the product.

General Inquiries

There are no inquiries yet.